Assicurazione cane e gatto: assicurazione animali domestici

L’assicurazione animali domestici è chiamata tecnicamente anche assicurazione cane e gatto, ed è una polizza assicurativa che protegge i proprietari degli animali domestici dai danni che questi ultimi possono causare a terzi e copre le eventuali spese veterinarie da sostenere in caso di malattia dell’animale.

Alcune assicurazioni cane e gatto prevedono anche l’assistenza legale e il servizio di ricerca dell’animale in caso di smarrimento.

L’assicurazione cane merita un capitolo a parte anche a causa di alcune ordinanze legislative specifiche che ad esempio sanciscono l’obbligatorietà da parte del proprietario di assicurare il cane.

Ad esempio l’ordinanza n°9 del Ministro della Salute del 27 agosto 2004, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale – Serie Generale n. 213 del 10/09/2004 – sancisce l’obbligo per i proprietari di 17 razze canine, considerate pericolose, di dotarsi obbligatoriamente di un’assicurazione per cani. Quindi la legge obbliga chi possiede cani appartenenti alle razze elencate nell’ordinanza, le cosiddette razze “aggressive” (come i Doberman, i Pittbull, i Rottweiler ecc…) di assicurarli per i danni che possono causare a terza, pena una multa di 206 euro o addirittura l’arresto per tre mesi.

La lista completa delle razze canine che hanno l’obbligo di sottoscrivere un’assicurazione:

  • American Bulldog;
  • Cane da pastore di Charplanina;
  • Cane da pastore dell’Anatolia;
  • Cane da pastore dell’Asia centrale;
  • Cane da pastore del Caucaso;
  • Cane da Serra da Estreilla;
  • Dogo Argentino;
  • Fila brazileiro;
  • Mastino napoletano;
  • Perro da canapo majoero;
  • Perro da presa canario;
  • Perro da presa Mallorquin;
  • Pit bull;
  • Pitt bull mastiff:
  • Pit bull terrier;
  • Rafeiro do alentejo;
  • Rottweiler;

In più non bisogna dimenticare che l’articolo 2052 del codice civile stabilisce che il proprietario di un animale, o chi se ne occupa, ne è responsabile per la legge per gli eventuali danni provocati dal suo animale. Questo vuol dire che se siamo sprovvisti di una specifica assicurazione per cani e ad esempio il nostro cane procura un incidente stradale o ferisce una persona saremo noi a risponde personalmente dei danni. Molto meglio quindi essere coperti da una polizza cane e poter stare tranquilli in qualsiasi circostanza.

L’anno successivo l’entrata in vigore dell’ordinanza che prevedeva la lista delle razze pericolose è stata fatta marcia indietro. L’ordinanza è stata modificata cancellando di fatto la lista delle razze pericolose e introducendo alcune importanti regole per la convivenza pacifica tra animali e esseri umani nei luoghi pubblici. E’ diventato obbligatorio l’uso del guinzaglio a max 1,50 mt e della museruola se il cane è potenzialmente irascibile e se così richiesto dalle Autorità competenti.

Ordinanza pienamente confermata nel 2014 e che rappresenta una sorta di via di mezzo tra il tentativo di placare gli animi degli allarmisti e le riserve di animalisti e veterinari.

Inoltre, la legge obbliga la stipula di una polizza assicurativa RC esclusivamente per i cani “dichiarati a rischio elevato di aggressività”, precedentemente inseriti in apposito registro tenuto regolarmente aggiornato e indicati dal veterinario.A modificare le carte in tavola ci ha pensato un provvedimento del 2009 che elimina l’ elenco delle razze dei cani ritenute pericolose e stabilisce. Il principio fondamentale secondo cui il proprietario di un cane è sempre responsabile del comportamento del proprio animale e che dunque è tenuto a rispondere personalmente sia a livello civile che penale di danni o lesioni causati a cose, persone o animali, e anche della qualità della vita del cane.

Molte compagnie assicurative offrono il servizio assicurativo cani all’interno delle polizze dedicate al capofamiglia o all’immobile di proprietà.

Esistono però delle assicurazioni specifiche per gli animali che ad esempio includa le cure mediche in caso di malattia dell’animale che copre un massimale di spesa anche in caso di danni a persone, cose o altri animali (quali morte, ferimento o lesioni) o di un imprevisto di tipo sanitario.

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *